TangoBenattia - Adele Venneri - Channeler per Myriam

Vai ai contenuti

Menu principale:

Libri
Guardare la vita con gli occhi dell'Anima attraverso la TangoBenattia
Copertina del libro TangoBenattia
Questo libro è dedicato a TE
che ovunque e in chiunque hai cercato
Te stesso.

Copertina del libro TangoBenattia
Leggendo il titolo di questo libro, la tua mente razionale probabilmente si chiederà: ma cos’è la TangoBenattia?
Una danza? Una tecnica? Una disciplina? Un nuovo metodo? Una scuola? O magari forse una nuova religione?
NO, nulla di tutto questo. La TangoBenattia è ALTRO e ti porta OLTRE…
Un metodo è sistematico; la TangoBenattia è fluida. Una tecnica è insieme di regole; la TangoBenattia è Libertà. Una disciplina è un complesso di regole; la TangoBenattia rompe gli schemi. La scuola arricchisce l’emisfero sinistro; la TangoBenattia esalta l’emisfero destro. In una danza ti identifichi nei passi; nella TangoBenattia tu sei il passo. La religione separa; la TangoBenattia Unisce.
Perché Tango? Perché il ritmo argentino è quello della PASSIONE, è il ritmo del corazòn. E’ il ritmo dell’amore che ti porta all’altro. La TangoBenattia ti porta a TE.
Perché Benattia? Perché Benattia è l’antitesi di malattia.
Perchè TangoBenattia? Perché TangoBenattia è la salute dell’amore.
Come si fa ad essere salutisti in amore?

La TangoBenattia è una vacanza Esperienziale, un percorso di Trasformazione che ti aiuta a ri-nascere con una nuova coscienza. Un percorso evolutivo che ti porta come in un parto naturale ad ampliare la visione della tua vita invitandoti a Guardarla con gli occhi della tua anima.
Quando questo accade prendi Coscienza che Tu sei ALTRO e sei pronto ad andare OLTRE…
Guidata dal ritmo argentino e da quello del tuo cuore, nei tre giorni di percorso, potrai sperimentare le Nove esperienze energetiche evolutive: l’incontro, l’abbraccio, la fiducia, il segreto dell’energia sessuale, il risveglio della scintilla divina, l’ironica consapevolezza, la passione del cuore e il successo dell’anima.
TangoBenattia

Perché nove?
Perché nove è il numero del destino dell’umanità, nove sono i tempi attraverso i quali concludere ogni ciclo. Nove sono i mesi della vita intrauterina, così come nove saranno le esperienze attraverso le quali se vorrai potrai sperimentarti nella tua rinascita.
Esse risveglieranno in te la memoria della tua vita intrauterina di questa e di tutte le tue infinite esistenze. Nove sono i mesi in cui hai sperimentato l’unione con l’archetipo dell’amore: LA MADRE. Nei nove mesi vissuti nel grembo di colei che hai SCELTO come ponte per sperimentare l’esperienza umana, sei stato cullato dal Ritmo del suo Cuore, un Ritmo che hai registrato nella tua memoria cellulare e che è diventato per te la colonna sonora della ricerca dell’amore. Con questa memoria hai sempre cercato fuori ciò che già era dentro di te. E' normale, nessuno quando sei venuto al mondo ti ha insegnato ad AMARTI. Nessuno ti ha detto: AMATI, sei l’unica persona con la quale resterai per tutta la vita. Ama la Tua Anima perché lei non ti abbandonerà mai. Ti è stato insegnato che amarsi è sinonimo di egoismo e che aiutare gli altri è amore, non il contrario.
La coscienza di massa si è intrisa di queste credenze ed è così che l’umano ha dimenticato il suo essere Divino. Ha dimenticato la promessa fatta alla sua anima quando si è incarnato e, dopo l’esperienza della sua vita intrauterina, ha cercato fuori di sé quel ritmo del cuore che lo faceva sentire UNITO e in simbiosi con l’amore: la madre. Quel battito attraverso la placenta lo nutriva. Quella musica nelle acque sacre del grembo ha intriso ogni cellula della memoria di quel ritmo.
L'amore non è solo quello di coppia, genitoriale, per la vita o l'eros. L'amore, è quello che tu provi per te stesso. L’amore inteso con soggetto e non come oggetto.
Come puoi donarti e profondere amore, se la coppa del tuo cuore è vuota d’amore per te? Ama il prossimo tuo come te stesso è un paradigma essenziale attraverso il quale iniziare la storia d’amore più importante e passionale della tua vita.

Se io sto con me non posso sentire la mancanza di te, posso desiderare di condividere con te mia presenza. Se io sto con me io sento la TUA PRESENZA non la tua mancanza. Se io SONO DIO e tu SEI DIO insieme possiamo entrambi GODERE del PIACERE di essere Divini e, guardandoci negli occhi ogni volta ci ricorderemo chi siamo. Ricorderemo il nostro ACCORDO DIVINO e in un abbraccio silenzioso sentiremo l’antico suono.


Non ho un Guru al quale inginocchiarmi
mi inginocchio alla mia Maestria.
Non ho padroni ai quali ubbidire
dico SI solo alla mia Libertà.
Non ho lignaggi che mi legano
con il mio respiro dissolvo i Contratti.
Non so cosa sia il Tempo, vivo l'istante.
Respiro, Vivo, Esisto e senza credere che c'è una casa mi aspetta, dentro di Me Vivo e Sono a Casa.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu